Il sud #inrete con l'Europa. La mobilità sostenibile riparte da qui.

Seguici su   

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE
per la formulazione di proposte progettuali nell'ambito della linea di intervento II.2.2 - Info - Mobilità del PON Infrastrutture e Reti 2014-2020

"Realizzare piattaforme e strumenti intelligenti di info-mobilità per il monitoraggio e la gestione dei flussi di traffico di merci e persone,
principalmente sistemi ITS, sistemi informativi e soluzioni gestionali, strumenti di monitoraggio del traffico, ecc."

Nodo di Napoli

Potenziamento Tecnologico del Nodo Ferroviario di Napoli

Il Nodo di Napoli è uno dei punti fondamentali del sistema ferroviario nazionale, di cui rappresenta il crocevia. L’attuale modello vede un’offerta di servizi di lunga percorrenza con circa 130 treni/gg, di traffico regionale per oltre 700 treni/gg e di traffico merci per oltre 30 treni/gg. Il nodo di Napoli fa parte del nuovo assetto delle Reti TEN-T, in particolare del core corridoio n.5 “Helsinki – La Valletta” che nel nodo ferroviario campano prevede una biforcazione verso Bari, lungo la direttrice ferroviaria Napoli-Bari.

Gli interventi previsti sono finalizzati all’estensione dell’SCC (Sistema di Comando e Controllo) del Nodo di Napoli ed all’estensione del CTC (Comando Centralizzato del Traffico) di Salerno Irno alla tratta Mercato – Codola – Sarno/Nocera Inferiore/Salerno, con l’inserimento nel SCC del Nodo di Napoli delle tratte: Villa Literno - Napoli Centrale; Cancello – Sarno; San Marcellino – Gricignano – Maddaloni Marcianise; Napoli S. Giovanni Barra - Nocera Inferiore – Salerno. Napoli.

Carta di identità dell'intervento

  Beneficiario: RFI - Rete Ferroviaria Italiana

  Linea di Azione: I.1.1

  Date di inizio e fine: Novembre 2014 - Dicembre 2020

  Localizzazione dell'intervento: Casoria, Albanova, Villa Literno, Aversa, San Marcellino, Sant’Angelo, Napoli,Casoria, Frattamaggiore 

  Contributo del PON-IR: 48,2 mln€

IT - EN